dalle news...

Analisi del mercato immobiliare 2018 e Previsioni per il 2019

 

La FIAIP - federazione italiana agenti immobiliari professionali - pubblica la sua analisi annuale del Mercato immobiliare. Quali sono le principali informazioni che ne traiamo? Com'è oggi il mercato immobiliare? Si è ripreso il mercato della Casa?

 

In sintesi:

- nel 2018 il numero di compravendite di case è aumentato del 6,6% rispetto all'anno precedente segnando un netto miglioramento;

- i prezzi delle case però non è aumentato, anzi a causa dell'enorme quantità di immobili da vendere il valore delle case è calato nel 2018 mediamente di un altro 2,5%;

- aumenta ancora, nel volume delle compravendite, il peso degli immobili con una buona Classe Energetica; 

- nel 2019 aumenterà il numero di compravendite ma in modo più moderato di quanto avvenuto lo scorso anno;

- i prezzi non cresceranno se si escludono le principali città come Milano, Firenze, Napoli, Bologna; 

- si consolida invece il rendimento delle locazioni residenziali che vanno dal 4 al 6% dimostrandosi ottimi investimenti;

- il 70% delle compravendite immobiliari è affiancato da finanziamenti bancari.

 

 Alcuni estratti dalle pubblicazioni della FIAIP:

"Fiaip: Casa bene rifugio, compravendite nel 2018 +6,6%, prezzi ancora in calo -2,5%.

In aumento le compravendite intermediate dagli agenti immobiliari professionali (+20%).

Un 2018 in chiaro scuro per Fiaip, che fotografa un mercato immobiliare in risalita, spinto da un costante incremento del numero delle compravendite, mentre continua inesorabile il calo dei valori immobiliari sia nel residenziale, che nel commerciale e nel terziario.

Nel 2018 sono cresciute del +6,6% le compravendite nel settore residenziale, fenomeno che si è registrato in particolar modo nell’ultimo semestre dell’anno."


"A causa dell’alta tassazione, la maggioranza delle transazioni sconta un differenziale negativo del 25%, tra richiesta e prezzo di vendita. Oltre alla diminuzione dei prezzi delle case -2,52%, sono in territorio negativo anche i valori di uffici (-4,67%), negozi (-4,18%) e capannoni ( -5,35%)."


"Cresce ulteriormente rispetto al 2017 il dato degli immobili di pregio compravenduti e ricadenti nelle prime tre classi energetiche (A+ A e B) che passa del 22% al 28%.

Anche la distribuzione per classe energetica rispetto all’ubicazione dell’immobile presenta dinamiche interessanti. Tale percentuale migliora per tutti i segmenti analizzati, ad eccezione degli immobili ubicati nelle zone centrali (10% circa). Ciò non sorprende vista la complessità di eseguire interventi strutturali sul sistema edificio-impianto in immobili spesso molto datati e ubicati nei centri storici.

Cruciale, al fine di cogliere alcune importanti dinamiche del mercato immobiliare relativamente alla qualità energetica di un edificio, è l’analisi della distribuzione percentuale delle classi energetiche degli edifici oggetto di transazione immobiliare nell’anno di riferimento, in funzione dello stato di conservazione dell’immobile In questo caso i dati presentano elementi di forte discontinuità rispetto ai trend evidenziati gli scorsi anni. La prima e più evidente variazione è relativa agli immobili nuovi. La percentuale di immobili di elevata qualità energetica (A+, A e B) rappresenta il 77% degli immobili di nuova costruzione venduti nel 2018, continuando il trend di crescita evidenziato negli anni precedenti ed interrotto solo dal dato del 2017."

“I risultati  presentati oggi sono particolarmente positivi, perché  dopo anni di ‘timidezza’  e di scarsa attenzione, il settore immobiliare - sottolinea il Presidente dell’ENEA Federico Testa - inizia a riconoscere la valenza strategica dell’ efficienza energetica . Il cambiamento nella percezione dei vantaggi economici e di comfort che possono derivare dall’acquistare o vendere un immobile di classe energetica più elevata, è una grande vittoria anche per l’ENEA che è  impegnata, anche in qualità di Agenzia nazionale per l’efficienza energetica, con tecnologie, servizi e attività di formazione e informazione per le pubbliche amministrazioni, le imprese e i cittadini e di supporto ai decisori politici nella predisposizione delle misure più efficaci”.

 

 

 


Vuoi contattarci? Compila il modulo qui sotto...